Interruttore della luce: placche, mascherine e personalizzazione

Non è un segreto che nella creazione della casa dei nostri sogni, ogni aspetto debba essere perfetto ed esattamente come l’avevamo immaginato. Certo, una persona può scendere a compromessi per amore del proprio interesse economico, di comodità o per altre esigenze, ma un compromesso di questo tipo tende sempre a danneggiare l’armonia del proprio ambiente domestico.

Quel piccolo aspetto che non è conforme con il nostro gusto diventa una chimera orribile da osservare, giorno dopo giorno, in quella routine quotidiana che ne esalta la mostruosità.

E, curiosamente, questa chimera può essere rappresentata proprio dall’interruttore della luce. Sebbene questo componente della casa possa risultare essere in secondo piano rispetto a investimenti più grandi e interessanti come il divano per il salotto o il letto per la camera, non è il caso di sottovalutare la sua importanza.

D’altronde l’interruttore della luce, con tutte le sue caratteristiche, è l’elemento più presente all’interno della casa: si moltiplica di stanza in stanza, talvolta è nascosto dietro un mobile, altre volte è in bella mostra appena si entra.

Se un tempo dovevamo quindi rassegnarci e convivere con quei rettangoli bianchi sul muro che così poco si prestavano allo stile di arredamento che li circondava, oggi non è più così.

Non solo abbiamo ora la possibilità di personalizzare i nostri interruttori della luce, ma ci sono dei veri e propri specialisti specializzati in questo aspetto.

Placche per interruttori della luce: cosa e come

Iniziamo a parlare della personalizzazione degli interruttori della luce concentrandoci sulle loro placche. Le placche degli interruttori della luce, chiamate anche colloquialmente “mascherine”, sono il contorno che circonda il pulsante stesso.

Siamo talmente abituati a vederle, che tendiamo a dimenticarci che l’aspetto normale di un interruttore ha ben poco garbo estetico se privato di questo suo aspetto.

Le placche degli interruttori sono diventate quindi sempre più importanti nel corso degli anni, dando la possibilità di scegliere il colore ideale per i propri interruttori modulari così da avere tutto nello stesso stile.

Questo aspetto è divenuto così importante che sono nate compagnie, come TEM, che non solo si sono specializzati in questo servizio, ma che hanno creato app dedicate alla simulazione e alla scelta dei propri interruttori modulari come la TEM Modul Manager.

È acclarato quindi che abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno a portata di mano, non ci resta che cominciare a personalizzare il nostro impianto dell’interruttore della luce.

mascherina interruttore luce

Mascherina dell’interruttore della luce: quale scegliere?

La domanda sorge spontanea: quale colore devo scegliere per le cornici dei miei interruttori? La scelta di una mascherina per un interruttore della luce condizionerà la mia vita per sempre?

Fortunatamente non è niente di così drammatico, in quanto in genere la mascherina è un componente che può essere personalizzato e cambiato facilmente. Detto questo, quale colore scegliere?

Alcune persone preferiscono settare l’impianto dell’interruttore della luce in base al colore degli infissi: porte e finestre. In questo modo è possibile avere delle mascherine sempre in tema con gli elementi inamovibili della casa.

Dall’altra parte, molte persone scelgono invece delle mascherine che si sposino bene con l’arredamento scelto, così da avere una bella palette di colori all’interno di una stanza senza che niente possa rompere l’armonia cromatica.

Sebbene questo sia l’approccio più consigliabile, è bene ricordare che il mobilio potrebbe cambiare nel corso della vita e della casa, così che la mascherina una volta ideale potrebbe risultare essere inadatta per il suo nuovo ruolo.

Ma fortunatamente è sufficiente cambiarla in pochi minuti per ripristinare il garbo estetico che andavamo cercando.

In realtà c’è un ultimo aspetto da tenere di conto quando si parla di personalizzazione dell’interruttore della luce.

Impianto interruttore luce: il colore del pulsante

Se la cornice attira il nostro sguardo e gioca un ruolo di vitale importanza nel design di una stanza, non dobbiamo dimenticarci degli altri aspetti che compongono il nostro impianto dell’interruttore della luce. Stiamo proprio parlando dell’interruttore in sé: in genere esso si presenta in due specifici colori, ovvero bianco o nero.

Nello scegliere questo colore, spesso si fa riferimento al proprio gusto personale, andando semplicemente a scegliere quale tra i due ci piace di più. Eppure anche in questo caso si parla di un aspetto di vitale importanza a cui è bene prestare la giusta attenzione.

In genere l’interruttore bianco viene utilizzato in ambienti moderni dove il bianco non stona: infatti sebbene una cornice marrone aiuti a integrarsi in alloggi rustici, il bianco potrebbe spezzare l’armonia cromatica. In tal caso viene invece selezionato il nero che, come nel caso dei vestiti, va bene con un po’ tutti gli ambienti.

Il nero ha inoltre altri aspetti positivi, come il non sporcarsi facilmente.

Ovviamente tutto si riconduce alla propria scelta personale, alla fine, ma è bene passare qualche minuto di più nello scegliere questi elementi per non rimpiangere le proprie scelte in futuro.